John Hale- Artista e Scultore

Buongiorno a tutti! questo post sarà un po’ diverso rispetto agli altri poiché non si tratta di una recensione di un libro, ma di una segnalazione di un grande artista inglese, la cui arte rimane però sconosciuta. il mio obiettivo è quindi quello di farvi conoscere, nel mio piccolo, questo artista. Ecco qui degli estratti della sua bibliografia che troverete in versione integrale sul sito:

Sono nato a Londra nel 1933, ho maturato fin dagli anni scolastici una passione per la pittura e la scultura che non ho potuto subito sviluppare prima per i due anni del servizio militare e poi per i tre anni di studi di storia al King’s College di Cambridge e i vari viaggi in Francia ed in Grecia nei giorni in cui il turismo non era ancora così diffuso.

Poi mi sono guardato attorno. Benché fossi attratto dalla pittura e dalla sua storia tanto quanto dalla scultura, fu la scultura il richiamo più forte. Ciò che mi riesce meglio è la tattilità, poi il volume, la massa e la relazione tra di loro. Il valore tattile come percepito dall’occhio. Per il colore non ero così dotato. Non ero stato ad una scuola d’arte. Mi mancava ogni tecnica.

Allo stesso tempo avevo bisogno di allontanarmi dal grigiore del dopoguerra Inglese e dalla familiarità del mio Paese. Così verso la fine del 1956 mi recai a Milano.

John Hale ha viaggiato molto, negli anni in cui ancora il turismo non era un fenomeno di massa come lo è oggi, vivendo così a pieno l’arte e la cultura di un luogo, a cominciare da Milano. Nei miei tre anni di università a Milano non mi ero soffermata a pensare su tutti i possibili tesori nascosti a Milano, una città industriale, spesso nominata la città della moda, ma intrinsecamente artistica.

Così John continua…

…desideravo fortemente partecipare a quel grande laboratorio artistico che era Milano, dove sia Marini che Manzù lavoravano. Ed è in questo modo che ebbi occasione di amare quella meravigliosa, nebbiosa e misteriosa città coi suoi sferraglianti trams.

Si è stabilito in un piccolo paesino della Brianza, non lontano da dove abito io, in provincia di Como, chiamato Bosisio Parini, dove da anche lezioni di inglese. Ebbe inoltre occasione di conoscere e di vivere in altre città in cui l’arte aveva, e ha, un ruolo di spicco: Roma, Parigi, Salisburgo…

  • https://www.johnhalesculptor.com/ sul suo sito trovate la sua biografia completa e qualche foto delle sue sculture. Spero davvero che voi lettori riusciate a “diffondere la voce” perché sono spesso gli artisti un po’ meno conosciuti che hanno in realtà una grande voce.

Hello everyone! This blog post is a bit different from my usual ones, since it is not a review, but a way to let you know a great English artist, John Hale, whose art remains unfortunately unknown. Here are some extracts of his biography:

Born in London in 1933, I developed a passion for painting and sculpture at school, but kept it in abeyance for two years in the army and three more while reading History amid the beauty of King’s College, Cambridge, and with vacation travels to France and Greece in the days before tourism really got going.

Then I looked around. Though moved by painting and its history as much as by sculpture, it was sculpture that I wanted to make. Tactility is what I most respond to, then volume and mass and the relations between them. Tactile values as perceived by the eye. Colour I was not so gifted for. I had not been to art school. I lacked all skill.

At the same time I needed to get away from the greyness of post war Britain and from  the familiarity of my own Country. So, late in 1956 I went to Milan.

John Hale has travelled a lot in the years in which tourism was not yet a mass-phenomenon. This permitted him to truly know the art and culture of the place, beginning with Milan. In my three-years bachelor in Milan I never stopped to think about all the hidden treasures that you can find in Milan, since it is known to be a business and financial centre, and of course the city of fashion, but which has an artistic core…

…I wanted the great working hub that was Milano, where both Marini and Manzù worked, and I came to love the wonderful, foggy and mysterious city with its clattering trams.

He settled in Bosisio Parini, a small village in Brianza, not far from where I live, where he also taught English. Besides, he had the opportunity to know and live in some important art cities, such as Paris, Rome and Salzburg.

  • https://www.johnhalesculptor.com/page/eng/ On the site you will find his complete biography and some photos of his sculptures. I truly hope that this post will help spread the word on this sculptor, since sometimes unknown artists are those who have a big voice.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

w

Connecting to %s

Blog at WordPress.com.

Up ↑

%d bloggers like this: