Translating Pain

Titolo Originale: Translating Pain – Immigrant suffering in literature and culture
Autrice: Madelaine Hron
Voto: 5/5
Anno di pubblicazione: 2009
Numero di pagine: 320

Translating Pain. Dopo la Guerra Fredda e l’11 settembre, l’esperienza migrante è cambiata drasticamente. Anche se oggi la letteratura migrante è ampiamente studiata in molti paesi e in molte università, vi sono davvero pochi testi che analizzano il sentimento di sofferenza, alienazione e solitudine che esprimono le opere migranti, anche nelle generazioni successive. Madelaine Hron, tramite l’analisi di diversi testi di autori migranti, studia la retorica del dolore, data dalla discriminazione razziale, da una situazione economica precaria e un sentimento di alienazione e solitudine che ogni migrante affronta nella propria vita.
L’autrice divide gli autori migranti in analisi in tre gruppi: i musulmani del nord Africa, in particolare i maghrebini, gli haitiani e gli est europei. Applicando alcuni principi di psicologia, analizza così il dolore e la sofferenza migrante presentata sotto forma di simboli nelle opere migranti. I testi presi in considerazione sono molteplici e spaziano da autori conosciuti quali Driss Chraïbi, l’haitiano Dany Laferrière e il ceco Milan Kundera, ad autori un po’ meno conosciuti.
Dire che questo libro sia interessante sarebbe estremamente riduttivo. Credo sia incredibilmente innovativo e dona un nuovo punto di vista alle opere migranti, in cui il dolore viene spesso minimizzato da cliché e miti quali il mito del ‘sogno americano’ o ‘il mito del successo’, in cui ogni migrante può raggiungere la stabilità economica e sociale solo grazie al merito al dovere, soprattutto se emigrano nel continente americano, spesso stereotipato come un’isola felice per ogni migrante.

Consiglio caldamente questo libro, è una lettura abbastanza semplice e comprensibile, anche se non siete studiosi di letteratura, ma siete semplicemente interessati al libro. Vi avverto però che per ora non è disponibile in italiano ma solo in inglese.


Translating Pain. After the Cold War and 9/11, immigrants’ experience changed drastically. Although today immigrant literature is well-known and widely studied, there is very little that explains and explores the immigrant hardship, suffering and the feeling of alienation that immigrants experience, even in the next generations. These are the questions that she seeks to analyse through all her work:

How do immigrant writers express the pain of immigration in their fiction? How do they convey intangible emotions resulting from such experiences as alienation, racial discrimination, and economic hardship with words, plot, and narrative, often in the language of their new culture?

Madeleine Hron therefore analyses different works from different immigrant authors, who had been divided into three different groups. First, the North African Muslims – or Maghrebi, then the Haitians and third the Eastern Europeans. She then applies psychology to the analysis of their works and shows how pain is represented in different texts, ranging from Chraïbi and the Haitian Dany Laferrière, to the Czech Milan Kundera, and many others.

I have a great fascination with this book. I used it to write my essay on Kim Thuy and I’ve found it truly interesting and innovative. She analyses immigrant suffering and offers another point of view of their works, and criticises the myth of the ‘American dream’ and myth of success, with which immigrant hardship is minimised and reduced to a cliché.
I would truly recommend it for your studies if you study literature and immigrant literature in particular, but it’s also a good book to read in general.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

w

Connecting to %s

Blog at WordPress.com.

Up ↑

%d bloggers like this: