The North China Lover – L’amante della Cina del Nord

Titolo originale (fr): L’amant de la Chine di Nord
Autrice: Marguerite Duras
Voto: 4/5
Anno di pubblicazione: 1991
Numero di pagine: 237

L’Amante della Cina del Nord. I protagonisti sono gli stessi de L’Amante: l’uomo cinese e la quindicenne francese bianca. Il contesto rimane anch’esso immutato : l’Indocina francese degli anni 30, il caldo torrido di Saigon, con la società coloniale di sfondo. La storia viene riscritta e approfondita, come se l’autrice rivivesse in prima persona le vicende narrate ne L’Amante.

Duras scrisse questo romanzo dopo aver visto, e ripudiato, il film di Jean-Jacques Annaud, ispirato al suo romanzo più celebre. Marguerite Duras avrebbe voluto rigirare il film lei stessa, basandolo su una nuova sceneggiatura scritta da lei personalmente. Tale progetto non si realizzò mai, ma l’autrice raccontò di nuovo la storia di quell’amore perduto, riscrivendola e ampliandola, quando venne a conoscenza della morte del suo amante.  Duras ci aveva lasciati su quel battello in partenza, che avrebbe portato la giovane francese lontana dal suo amante, ed è qui che la protagonista riflette su quell’amore così poco conosciuto che le aveva rubato per sempre l’innocenza. A distanza di anni, l’autrice ritorna con la memoria a quell’amore, che il tempo non ha fatto altro che rafforzare. Il risultato è un romanzo più dettagliato rispetto al primo, che ha quasi l’aria di un documentario.

Insomma, la mia ‘durassite’ continua. L’Amante è uno dei miei preferiti, con questa riscrittura Duras ha dato una maggiore profondità ad un amore che nel romanzo precedente ci veniva presentato con piccoli frammenti di vita, di memoria e di finzione.
Leggetelo, lo consiglio caldamente


The North China Lover is a retelling of the dramatic experiences of Duras’ adolescence that shaped her most famous work, The Lover. Initially conceived as notes toward a screenplay for The Lover, it turned out to be a mature and more complex portrayal of the authors’ earlier days in Indochine. This new version of the original is a fuller telling of her adolescence in Saigon, in which she gives a more detailed descriprion of the characters and of her love affair with the Chinese billionnaire.

In her first book she describes a slippery identity, we know that it’s an autobiographical novel, but at the same time Duras keeps at a distance, as if she doesn’t want to identify herself with the narrator. In this new novel we get a wider insight of the protagonist’s feelings and of her family. Her family is poverty-stricken, living in a society where they are supposed to be dominant, but are actually treated miserably. The Chinese lover takes them out for expensive dinners, as the protagonist’s family accepts the relationship, but the fact that she might be in love with him never crosses their mind, since he is after all a Chinese man.

If you enjoyed reading The Lover this is a must-read, it’s enthralling and powerful, and it helps you understand her first novel. I would truly recommend it!

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

w

Connecting to %s

Blog at WordPress.com.

Up ↑

%d bloggers like this: