I miei preferiti – My favourite books

In genere ho grandi difficoltà quando mi viene chiesto ‘qual è il tuo libro preferito?’ perché non credo di avere un preferito, ma dei preferiti, che ho amato alla follia per motivi diversi. Ammiro le persone che non hanno dubbi su quale sia il loro libro del cuore, ma purtroppo io spesso non riesco a rispondere a quella domanda. Oggi vi presenterò i miei libri del cuore o ‘preferiti’, se vogliamo. L’ordine è puramente casuale. Ma vorrei sapere qual è il vostro preferito/i! Fatevi sentire nei commenti!

  • La Casa degli spiriti – Isabel Allende. “Una saga familiare in cui si rispecchiano la storia e il destino di tutto un popolo, quello cileno, nei racconti delle donne di una importante famiglia. L’amore, la magia, il mistero, i sogni si mescolano alle violenze e agli orrori della guerra cilena che portò all’ascesa di Pinochet. Alle Tre Marie, splendida tenuta di proprietà di Esteban Trueba, si intrecciano le passioni dei diversi protagonisti: Clara, la moglie del proprietario, trascorre un’esistenza avvolta nei ricordi; Férula, sorella di Esteban, dedica la sua vita agli altri; Blanca è innamorata di un servo del padre, Pedro, che avrà parte nella guerriglia della rivoluzione; Alba, la nipote, dovrà invece affrontare la dittatura mentre Esteban scoprirà, proprio a causa dei tragici eventi politici del suo paese, di amare innanzitutto la sua famiglia.” Chi mi conosce sa che ho un amore infinito verso questo libro. Ho amato altri libri di Isabel Allende, ma mai allo stesso livello di questo.
  • Jane Eyre – Chalotte Brontë. “Jane, esplicito alter ego della scrittrice, dopo anni di stenti e di solitudine, diventa istitutrice presso la famiglia Rochester. Il padrone di casa, cinico, è conquistato dalla personalità della ragazza. Ma quando scopre che la moglie di Rochester, creduta morta, è ancora in vita, prigioniera della pazzia, Jane fugge abbandonando l’uomo che le aveva chiesto di sposarlo.” Romantico, cupo, misterioso, scritto in maniera magistrale, un romanzo che ho amato dalla prima all’ultima pagina. Ho un debole per le storie d’amore gotiche, e questa è una delle più grandi rappresentazioni del genere. Il personaggio di Jane è uno dei più riusciti della narrativa femminista, una donna che dopo aver affrontato peripezie e soprusi di ogni genere, riesce finalmente a raggiungere la propria libertà.
  • Lolita – Vladimir Nabokov. Il narratore è un professore di letteratura di trentasette anni che è letteralmente ossessionato da una dodicenne, Lolita, con la quale intreccia una relazione sessuale dopo esserne diventato il patrigno. Lolita è il soprannome che l’uomo dà in privato alla ragazzina.  Il testo, estremamente sofisticato nello stile, è molto esplicito per quanto riguarda la passione di Humbert e non lesina riferimenti alla sfera sessuale, mantenendo tuttavia sempre uno stile elevato e senza mai scadere in oscenità. La grandezza di questo libro è infatti legata allo stile di scrittura di Nabokov, che riesce a trattare in maniera ‘leggera’ un tema immorale e scabroso. Questo libro si fonda quindi su una grande contraddizione, poiché anche se riconosciamo la malsana situazione mentale del protagonista, non possiamo fare a meno di amare il personaggio di Humbert Humbert. Nabokov è geniale, perché ha saputo fare qualcosa che nessuno prima forse era riuscito a fare, parlare di una cosa terribile trasformandola in qualcosa frivolo e leggero, ma mai rinnegando l’oscenità di tale relazione.
  • Il Cardellino – Donna Tartt. Theo Decker ha tredici anni e vive con la madre a New York dopo che il padre alcolizzato li ha abbandonati per ‘ricominciare una nuova vita’. Ad una mostra di pittura al Metropolitan Museum of Art di New York, sua madre perde la vita in un attentato terroristico. Dapprima preso in cura dai servizi sociali, poi accolto a casa di un amico, Theo si ritrova inesorabilmente catapultato in un mondo ‘per adulti’ in cui la criminalità è all’ordine del giorno. La sola cosa che lo tiene aggrappato al passato e alla madre è un quadro misterioso trovato tra le macerie del museo durante la sua disperata fuga, il Cardellino, che non si decide a riconsegnare e che lo trascinerà in un circolo vizioso che metterà in pericolo la sua stessa vita. È in primo luogo un Bildungsroman, un romanzo di formazione, poiché segue la crescita di un ragazzino che, in un battito di ciglia, si trova davanti ad una tragedia in cui la sua vita, così come lui la conosceva, è persa per sempre.  La realtà infatti si abbatte su di lui in tutta la sua violenza e lo costringe a crescere prima del tempo.
    Premio pulitzer per la letteratura nel 2014, è stato accostato spesso ai romanzi di Dickens, un moderno Oliver Twist, per le sue descrizioni della piccola criminalità, di adulti irrequieti e irresponsabili, ragazzini trascurati e maltrattati, ambienti urbani cupi e sinistri.
  • Il ritratto di Dorian Gray – Oscar Wilde. “Dorian Gray, un giovane di straordinaria bellezza, si è fatto fare un ritratto da un pittore. Ossessionato dalla paura della vecchiaia, ottiene, con un sortilegio, che ogni segno che il tempo dovrebbe lasciare sul suo viso, compaia invece solo sul ritratto. Avido di piacere, si abbandona agli eccessi più sfrenati, mantenendo intatta la freschezza e la perfezione del suo viso. Poiché Hallward, il pittore, gli rimprovera tanta vergogna, lo uccide. A questo punto il ritratto diventa per Dorian un atto d’accusa e in un impeto di disperazione lo squarcia con una pugnalata. Ma è lui a cadere morto: il ritratto torna a raffigurare il giovane bello e puro di un tempo e a terra giace un vecchio segnato dal vizio.” Illustrazione dell’edonismo e della superficialità dell’animo umano, Oscar Wilde ha creato un romanzo ineguagliabile, uno di quei libri che vanno letti almeno una volta nella vita.

Ecco i miei romanzi del cuore! Ora fatemi sapere quali sono i vostri, sono curiosa!


Hi everyone! Today I’m going to write about my favourite books of all time. I usually have a very hard time when someone asks me ‘what’s your favourite book?’ because, honestly, I’m not able to pick just one book. I have several books that I truly fell in love with, that linger in my mind and heart. But I’m also curious about YOUR favourite books! Leave a comment.

Here they are… the list is in a random order.

  • The House of the spirits – Isabel Allende. “It is an enthralling saga that spans decades and lives, twining the personal and the political into an epic novel of love, magic, and fate. There is patriarch Esteban, whose wild desires and political machinations are tempered only by his love for his ethereal wife, Clara, a woman touched by an otherworldly hand. Their daughter, Blanca, whose forbidden love for a man Esteban has deemed unworthy infuriates her father, yet will produce his greatest joy: his granddaughter Alba, a beautiful, ambitious girl who will lead the family and their country into a revolutionary future.” This book started my love affair with Isabel Allende’s writing.
  • Jane Eyre- Charlotte Brontë. This is maybe one of the most famous gothic love stories ever written. It is a coming-of-youth novel which follows the life of the orphaned and mistreated Jane. subject to the cruel regime at Lowood charity school, Jane Eyre nonetheless emerges unbroken in spirit. She then takes up the post of governess at Thornfield Hall, where she meets and fall in love with the mysterious Mr Rochester. He hides a secret in his past which will be an impediment also to their marriage.
  • Lolita – Vladimir Nabokov. This is one of the most controversial books that I have ever read. Even today it can challenge certain principles. It was banned in several countries in 1955 because considered “immoral” and challenged for pedophilia. The protagonist, who defines himself as an “unreliable narrator” is a middle-aged man called Humbert Humbert and he is obsessed with the 12-year-old Dolores Haze, whom he calls “Lolita”. I call it controversial because if on one hand it is immoral because of the subjects it deals with, on the other we cannot not love the “unreliable narrator”. This book is such a great, whole controversy and therefore it is not for everyone. but I loved it and it soon made itself space between my favourite books of all time.
  • The Goldfinch – Donna Tartt. Theo Decker is thirteen years old and lives with his mother in New York after his alcoholic and abusive father dumped them to ‘start a new life’. But his life is turned upside down when his mother dies in a terror attack at the Metropolitan Museum of Art. In his panicked escape from the Museum he takes a painting which is her mother’s favourite, The Goldfinch. The social services take care of him, then he is taken in by the family of a school friend. Due to the naïve choice he made to take the painting from the museum and not giving it back, since it reminds him of his mother, he is inexorably drawn into a murky vicious cycle that puts his life in utmost jeopardy. It is a Bildungsroman, a coming-of-youth novel, since it follows the life of a boy who, in the blink of an eye, sees his life changed forever and experiences a sudden transition to adulthood. It is praised as a modern Oliver Twist: we can find Dickens in every page because of the descriptions of petty criminals, restless and abusive adults, neglected children and gloomy urban settings. I think this is one the best books of the last few years and it was surely worth the Pulitzer Prize for Fiction 2014.
  • The Picture of Dorian Gray – Oscar Wilde. Dorian Gray is a handsome and wealthy young Englishman who gradually sinks into a life of dissipation and crime. Despite his unhealthy behaviour, his physical appearance remains youthful and unmarked by dissolute life. Instead, a hidden portrait of himself catalogues every evil deed by turning his once handsome features into a hideous, grotesque mask. When Gray destroys the painting, his face turns into a human replica of the portrait, and he dies. This book is exquisite; it is an investigation into the human soul, the power of vanity and the problems of living a life with not a single consequence for your actions. It’s truly powerful and beautifully written. I think it’s one of those books that everyone should read at least one time in life.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s

Blog at WordPress.com.

Up ↑

%d bloggers like this: